In.Con.(S)trada

Esiste un palcoscenico che mette tutti d'accordo. Dove non tutte le chitarre luccicano, non tutte le voci brillano e non tutti gli archetti hanno i crini al proprio posto: è la strada, il luogo in cui ogni giorno recitiamo ruoli, parti, ci scambiamo dialoghi e battute e ci esercitiamo ad esser parchi di applausi o prodighi di sorrisi.

La musica invade la strada con fisiologica fluidità, non vi è angolo che non ne sia occupato. Calpestare il suolo al ritmo di un tamburello cambia i connotati ai luoghi e ne rimescola le funzioni: e allora il balcone della signora di fronte diventa un magnifico loggione, la piazza una fantastica arena improvvisata, il formaggiaio in fiera un generoso anfitrione e le coppie a passeggio si candidano per una ronda appassionata.